Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

La razionalizzazione delle partecipate comunali: un’analisi dalla prospettiva concettuale del rischio - The reduction of municipal participations: an empirical analysis from a risk perspective

digital
La razionalizzazione delle partecipate comunali: un’analisi dalla prospettiva concettuale del rischio - The reduction of municipal participations: an empirical analysis from a risk perspective
Articolo
titolo La razionalizzazione delle partecipate comunali: un’analisi dalla prospettiva concettuale del rischio - The reduction of municipal participations: an empirical analysis from a risk perspective
autori

fascicolo Azienda pubblica - 2021 - 2
editore Maggioli Editore
pubblicazione 01/2021
5,99
Questo articolo analizza il fenomeno della razionalizzazione delle partecipate pubbliche conseguente all’introduzione della Legge Madia (L.124/15) attraverso una prospettiva di rischio. I piani di razionalizzazione dei comuni capoluogo di regione sono stati analizzati attraverso una tassonomia dei rischi, di fonte propria, basata sulla L. Madia. I comuni hanno identificato tre driver della dismissione (rischio operativo, di compliance ed interno) e mantenuto invece le partecipate aventi attività di “interesse economico generale”. La loro scelta si è basata su ottiche opposte, le quali richiamano la duplice natura, positiva e negativa, del rischio e della sua gestione. L’ottica negativa potrebbe aver portato ad una scelta di dismissione anche in modo incondizionato, mentre, quella positiva potrebbe aver influenzato la decisione dei Comuni di perseguire un’opportunità portando ad una decisione di mantenimento di una data partecipata. La decisione di mantenimento è stata dettata dall’importanza di garantire la continuità e la qualità di un servizio pubblico.

Cet article analyse le phénomène de la réduction des participations publiques dans les entreprises suite à l’introduction de la loi Madia (L.124/15) dans une perspective de risque. Les plans de rationalisation des municipalités de la capitale régionale ont été analysés à travers une proposition de taxonomie des risques basée sur la loi Madia. Les municipalités ont identifié trois moteurs de rationalisation (risque opérationnel, conformité et interne) et ont maintenu les sociétés ayant des activités d’«intérêt économique général». Les municipalités ont adopté deux points de vue opposés en ce qui concerne le choix de maintenir ou de céder une participation, qui rappellent la double nature du risque. L’avis négatif peut avoir conduit à un choix de cession, tandis que l’avis positif peut avoir influencé la décision conduisant à un choix de maintien. La décision de maintien a été principalement dictée par l’importance de garantir la continuité et la qualité d’un service public.
This article analyses the rationalisation of public participation in companies following the introduction of the Madia Law (L.124/15) through a risk perspective. The rationalisation plans of the regional capital municipalities were analysed through a taxonomy of risks, developed by the authors from the Madia Law. The municipalities identified three drivers of rationalisation (operational, compliance and internal risk) and retained those public participations who offered activities of ‘general economic interest’. Their choice has been based on two opposing perspectives, which refer to the dual, positive or negative, nature of risk and its management. The negative view may have led to a decision to divest, even unconditionally, while the positive view may have influenced the decision-making of the municipalities, leading to a choice to maintain a given investee. The decision to maintain was mainly dictated by the importance of guaranteeing the continuity and quality of a public service.
 

Biografia degli autori

Pasquale Ruggiero

Pasquale Ruggiero è Professore Associato di Public Management presso il Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici dell’Università di Siena e Senior Lecturer presso la Brighton Business School. I suoi principali temi di ricerca sono i sistemi di programmazione e controllo delle amministrazioni pubbliche, la misurazione e gestione delle performance pubbliche.

Sarah Russo

Sarah Russo è Dottoranda del XXXV° ciclo in Economia Aziendale e Management presso il Corso di Dottorato regionale consorziato tra l’Università degli Studi di Pisa, Firenze e Siena, con sede lavorativa a Siena presso il Dipartimento degli Studi Aziendali e Giuridici. I suoi principali temi di ricerca riguardano la gestione del rischio, i sistemi di controllo e il performance management delle amministrazioni pubbliche.

Stefania Consiglio

Stefania Consiglio è Dottoressa magistrale in Management e Governance presso l’Università degli Studi di Siena durante l’anno accademico 2018/2019 con tesi appartenente all’insegnamento Public Management dal titolo “The risk management standards implementation in the healthcare sector: a theoretical and practical analysis”.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.