Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Un modello di profilazione della dirigenza pubblica: cluster analysise azioni applicative per il public management

digital
Un modello di profilazione della dirigenza pubblica: cluster analysise azioni applicative per il public management
Articolo
titolo Un modello di profilazione della dirigenza pubblica: cluster analysise azioni applicative per il public management
autori


fascicolo Azienda pubblica - 2016 - 4
editore Maggioli Editore
pubblicazione 01/2016
5,99

La profilazione della dirigenza pubblica, in quanto strumento per creare gruppi, è un tema attuale nei dibattiti sulla modernizzazione del Paese e della Pubblica Amministrazione. Tuttavia, l’individuazione e la descrizione di raggruppamenti di dirigenti pubblici è avvenuta in passato attraverso l’utilizzo di caratteristiche socio-anagrafiche (tipo di formazione scolastica, età, background professionale, ecc.), ritenendo che tali fattori potessero essere già di per sé esplicativi degli atteggiamenti e dei comportamenti. Il presente lavoro intende proporre una vera e propria metodologia funzionale alla profilazione della dirigenza pubblica a partire da analoghe metodologie proposte nelle scienze manageriali e di marketing, dove il tema della profilazione rappresenta un problema di particolare rilevanza. La metodologia proposta è articolata in step successivi che partono dall’individuazione dell’obiettivo di classificazione e proseguono con la scelta di un modello teorico che sia funzionale al conseguimento dell’obiettivo e che sia di supporto all’individuazione dei fattori da utilizzare nel processo di profilazione. Tali fattori, auspicabilmente, non dovranno essere misurati da un unico indicatore, ma da un ampio sistema di misurazione validato attraverso adeguate tecniche statistiche. Sulla base dei fattori validati, sarà quindi possibile procedere alla clusterizzazione. La metodologia è stata testata su un campione di dirigenti dei ministeri italiani.

 

Biografia degli autori

Antonio Botti

Antonio Botti è professore associato di Economia e Gestione delle Imprese, presso il Dipartimento di Scienze Aziendali – Management e Innovation Systems, dell’Università degli Studi di Salerno. La sua attività di ricerca nel corso degli anni ha spaziato dallo studio delle organizzazioni pubbliche a quelle private focalizzandosi, nell’ultimo periodo, sui temi dell’imprenditorialità e riservando una particolare attenzione alle problematiche connesse con la valutazione delle performance.

Aurelio Tommasetti

Aurelio Tommasetti è Rettore dell’Università degli Studi di Salerno da novembre 2013. Dal 2005 è professore ordinario di Economia Aziendale. Ha ricoperto le cattedre di insegnamento in Contabilità e bilancio delle aziende pubbliche al Master in Pubblica Amministrazione (MPA), Contabilità e bilancio delle istituzioni scolastiche al Master Mundis, Audit e controllo per il corso di Laurea Magistrale in Consulenza aziendale e di Ragioneria generale e applicata.

Orlando Troisi

Orlando Troisi è riceratore di Economia e Gestione delle Imprese, presso il Dipartimento di Scienze Aziendali – Management e Innovation Systems, Università degli Studi di Salerno. Ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Economia e Direzione delle Aziende Pubbliche; è stato Visiting Researcher e Visiting Professor presso l’Università di ALCALÁ (SP). I suoi principali interessi di ricerca si concentrano sulla Service Science, sulle Smart Cities e sull’analisi dei big data.

Massimiliano Vesci

Massimiliano Vesci è professore associato in Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università di Salerno, Dipartimento di Scienze Aziendali - Management e Innovation System (DISA-MIS). I suoi interessi di ricerca si incentrano su imprenditorialità, public management, co-creazione di valore e comportamento dei consumatori nei settori del turismo, tecnologia, innovazione ed educazione.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.